16 ottobre 2014

ottobre



Non si può sgranare una melagrana e pensare che Dio non esista. 

Beh, almeno io non ci riesco proprio.

Perché la melagrana mi insegna la bellezza, e la lentezza. 

Procedo piano per non sprecarne il succo, raccolgo in mano gli splendidi grani color rubino e li mangio prima a grandi manciate, per golosità; poi assaporo un granello alla volta.

Un 

granello

alla

volta.


Nessun commento: