30 giugno 2015

giugno

estate

Parole ricorrenti di questo inizio estate: vulnerabilità, dono e compassione.

Ne parla Brené Brown ne I doni dell'imperfezione (Ed. Ultra):

"La prima reazione al dolore - il nostro o quello altrui - è di proteggerci. Lo facciamo cercando qualcuno o qualcosa a cui dare la colpa. Oppure a volte ci mettiamo al riparo giudicando o entrando immediatamente nella modalità sistemiamo le cose. [...] 
La compassione non è un rapporto tra chi guarisce e chi è ferito. 
E' un rapporto tra pari. Solo quando conosciamo bene la nostra oscurità possiamo affrontare quella degli altri. La compassione diventa reale quando riconosciamo la nostra umanità condivisa."
Ecco, questo piccolo particolare del "rapporto tra pari" mi era sempre sfuggito realmente, mi sa, perché intimamente sovrapponevo la compassione - un rapporto tra pari, appunto -  alla pietà - rapporto impari.

Un po' come l'amare, a lungo confuso con il prendere anziché con il dare.

E fa pure rima. 


  




Nessun commento: